Alimenti da eliminare I CONFETTI

≪Sapete, signore come si fabbricano i confetti≫? ≪Non l’avreste mai indovinato! I colori chiassosi, i profumi aromatici rievocano il gusto dell’ananas, della cotogna, della fragola, del lampone o della banana. Ma questi succhi non c’entrano per nulla poichè non vengono usati affatto nella composizione della confetteria. Rispettivamente, ciascun frutto nominato viene sostituito dal butirrato di etile, dal perlargolato e nitrato di etile, dal salicilato di metile, dall’acetato e benzolo di amile, dal formiato benzoato e dall’enantinato d’etile, dal valerianato di metile. Dovrebbe essere sufficiente per disgustarci per sempre di questo impiastro farmaceutico. Ma proseguiamo: lo zucchero viene sostituito dalla saccarina e tratto direttamente dal carbone, la dulcina che proviene dall’urea, il glucosio da vecchi stracci trattati all’≪S04H2≫.

La glicerina che è un residuo di saponificio e dello sciroppo filtrato nel nero animale, calcinando le ossa degli animali. . . Direste che basta? Infatti, questo toglie la voglia di sapere che questi piccoli confetti non sono che Carbone, Urea, Stracci, Sapone, il tutto accomodato alla salsa del neroanimale. Tali prodotti sono eminentemente nocivi per la carne fresca dei vostri bambini. Occorre avere molta cura di loro, nutrendoli convenientemente con alimenti prodotti dalla natura e non dall’industria≫, (estratto e tradotto dal libro di A. Mosséri ≪Part de se nourrir pour se fortifier≫).

Bisogna combattere con fermezza questa mania contagiosa di dare confetti come resto, di regalare caramelle e dolciumi ai bambini illudendoci di far loro del bene. In realtà, agendo in quel modo, danneggiamo seriamente la salute di queste creature innocenti che si affidano ciecamente agli adulti e al loro palato che per mezzo dei dolciumi industriali viene abusivamente ingannato e fortemente alterato. Se ci teniamo alla salute dei nostri piccoli è indispensabile sostituire confetti, caramelle e ogni dolciume industriale con i generosi doni della saggia natura: fichi e uva freschi o secchi, datteri, carrubbe prugne e albicocche secche, bastone di liquirizia, banane fresche o secche, arance vainiglia, mele dolci, miele e zucchero rezzo (da usare con moderazione) frullati di frutta, crema di frutta con panna fresca, fragole con panna, biscotti e dolci casalinghi (da usare con grande moderazione), ecc. Una volta abituati i bambini si soddisfano largamente con questi prodotti naturali che li aiutano a crescere più sani e meno turbolenti.