Ristrutturazione

La ristrutturazione di un evento si fonda ancora una volta sul presupposto che la mappa non è il territorio: la tua rappresentazione interiore della realtà non riproduce esattamente la realtà, ma è solo un’interpretazione filtrata attraverso le tue credenze e i tuoi valori personali. Questo significa che ciascun evento può essere interpretato da vari punti di vista e ricontestualizzato.

La ristrutturazione del contesto significa questo: prendi un evento, riconsideralo in una situazione diversa e cercane nuovi significati. Ad esempio se una persona è molto testarda per le faccende di casa, puoi ristruttrarne il contesto: quella stessa testardaggine, sul lavoro può diventare determinazione ed essere considerata una grande qualità.

La ristrutturazione del contenuto significa invece modificare il senso che tu dai ad un evento: ad esempio se il tuo datore di lavoro si lamenta di te, non vuol dire per forza che sei incapace o incompreso. Potrebbe voler dire che il tuo capo ti stima e vorrebbe aiutarti a crescere in un determinato lavoro. E così via.

Applicata ai vari contesti della vita, la ristrutturazione può risultare molto utile, sia per affrontare dolori e sofferenze del passato, sia per i piccoli problemi quotidiani che portano rabbia e frustrazione. Provare per credere!