La Dieta Metabolica

La Dieta Metabolica

La dieta metabolica è un regime alimentare creato dal dottà. Mauro G. Di Pasquale, un medico canadese di origine italiana. La sua opera di riferimento relativa a questo regime dietetico risale all’anno 2000 (The Metabolic Diet: The revolutionary diet that explodes the myths about carbohydrates and fats).

Come nel caso di altri regimi alimentari venuti alla luce nell’ultimo decennio, anche la dieta metabolica promette il raggiungimento di notevoli obiettivi in un periodo di tempo decisamente breve. Questo regime alimentare è diventato nel giro alquanto popolare di pochi anni nel mondo del body building, in particolar modo nei periodi in cui si presta una particolare attenzione alla definizione muscolare ovvero quando si è in vista delle gare.

Chi l’ha inventata

Mauro G. Di Pasquale è bodybuilder e giornalista ed è stato assistente presso l’Università di Toronto dal 1988 al 1998. Ha tenuto conferenze e ricerche su prestazioni atletiche, integratori alimentari e uso delle erbe nello sportà. Ha conseguito una laurea in scienze biologiche, una laurea in biochimica molecolare ed anche una laurea in medicina, tutte presso l’Università di Toronto. Come autore di libri per la pratica atletica del bodybuilding, Di Pasquale ha scritto migliaia di articoli per molte riviste di fitness ed ha inoltre redatto diversi libri su argomenti correlati al bodybuilding, come l’alimentazione e gli integratori da utilizzare per migliorare le prestazioni.

Egli è anche un ex campione di classe mondiale di powerlifting (una disciplina sportiva nella quale ogni singolo atleta è impegnato nell’esecuzione di tre esercizi: lo squat, la distensione su panca piana e lo stacco da terra). Di Pasquale ha vinto i campionati del mondo nel 1976 ed il World Games nello sport del powerlifting nel 1981, è stato otto volte campione canadese e due volte campione americano. Fu anche il primo powerlifter canadese a diventare un campione del mondo e il primo powerlifter canadese per il sollevamento di un peso totale di 10 volte il peso corporeo, in ogni classe.

Come funziona

La prima versione di questa dieta si chiamava la “dieta anabolica”. “La dieta Metabolica”, come viene ora chiamata, è una dieta a base di grassi e di proteine e a basso contenuto di carboidrati in cui c’è un periodo per ricaricare i carboidrati, solitamente nei fine settimana, ed è simile alla “dieta rimbalzo” di Zumpano alla fine degli anni ‘70.

C’è stata tradizionalmente una spaccatura ideologica in termini di diete popolari: un gruppo di persone che pensano che le diete ricche di grassi siano la causa dell’obesità e un ulteriore gruppo che sostiene che la causa dell’obesità sia dovuto a carboidrati raffinati ad alto contenuto glicemico. Il problema con il primo approccio è che manca la giusta quantità di proteine per costruire il muscolo. Il problema invece del secondo approccio è che una dieta a basso contenuto di carboidrati causa periodi prolungati di restrizione di questi nutrienti per favorire l’entrata del corpo in uno stato di “chetosi”, condizione che si verifica quando le riserve di glicogeno non sono disponibili nelle cellule, quindi il corpo è costretto a cercare altre fonti di energia ed utilizza gli acidi grassi come carburante alternativo. I chetoni sono molecole generate durante il metabolismo dei grassi e sono in grado di fornire una fonte di riserva di carburante per il cervello.
Dose giornaliera

Da lunedì a venerdì 30 grammi Fine settimana Senza limiti
Grasso

40 – 60% 20 – 40%
Proteine

40 – 50% 15 – 30%
Carboidrati

4-10% 35-60%

Dopo la fase di valutazione, arriva la fase di “carboidrati moderati”, in cui il contenuto di carboidrati si limita a circa il 15-25 per cento della dieta. Quindi, se adottaste una dieta di 4000 calorie, dovreste assumere circa tra i 150 e i 300 grammi di carboidrati al giorno, preferibilmente di carboidrati a basso indice glicemico, come lenticchie, patate dolci, riso basmati, farina d’avena.

Nel fine settimana “tutto è permesso” per il consumo di carboidrati, secondo Di Pasquale, e quindi potete mangiare anche avere frittelle, birra e pizza! Questa condizione vi aiuta a togliervi qualche sfizio mentale che vi ricompensa delle restrizioni e della disciplina seguita per tutta la settimana.

Esempio di menù

Ecco un esempio di menù in settimana

  Colazione: uova, pancetta, prosciutto, salsiccia, pancetta, pomodori, formaggio (o frittata contenente alcuni di questi cibi o tutti).
  Spuntino a metà mattina: tagli di formaggio e fredda, peperoni tagliati a bastoncini.
  Pranzo: carne macinata, uova strapazzate e noci con olio di semi di lino.
  Spuntino del pomeriggio: uova sode, tonno, sardine, con olio d’oliva.
  Spuntino prima dell’allenamento: farina d’avena.
  Spuntino dopo l’allenamento: frullato proteico di siero di latte, burro di arachidi.
  Cena: carne macinata, frittata di 4-6 uova fatta con verdure saltate e formaggio, insalata mista con aceto balsamico e olio d’oliva, formaggio grattugiato, qualche frutto a bacca.
  Spuntino prima di andare a letto: formaggio, noci, 1-3 capsule di integratore di grassi omega-3.

Esempio di un menu del weekend
  Colazione: frittelle di grano saraceno, granturco, uova e patate fritte.
  Spuntino di metà mattina: frutta, miele, pane fresco integrale con crema di formaggio.
  Pranzo: pollo con pasta integrale, insalata.
  Merenda: gelato o pasticcini.
  Spuntino prima dell’allenamento: Farina d’avena.
  Spuntino dopo l’allenamento: frullato proteico a base di siero di latte.
  Cena: ali di pollo e pizza .
  Spuntino prima di andare a letto: Samosa (antipasto indiano che consiste generalmente in un guscio triangolare di pasta di farina, fritto o al forno, farcito principalmente con patate ma anche con cipolle, piselli, lenticchie, formaggio, carne di manzo o pollo e varie spezie locali come peperoncino o coriandolo) o manzo giamaicano.

Alimenti che si possono mangiare in quantità illimitate

– Bistecca
– Hamburger
–  Salsiccia
–  Carne di cervo
–  Salmone
–  Agnello
–  Gamberetto
–  Aragosta
–  Pollo
–  Turchia
–  Tonno
–  Sardine
–  Acciughe
–  Formaggio
–  Uova
–  Burro
–  Oli
–  Noci
–  Brasato
–  Bacon
–  Maionese
–  Burro di arachidi

Come agisce

Il corpo sperimenta una nuova condizione quando si adotta una dieta povera di carboidrati. Il carburante glucosio è il carburante più comunemente usato e il più disponibile. Il corpo reagisce facendo precipitare la produzione di insulina del pancreas e causando l’aumento dell’ormone glucagone, che movimenta la riserve di grasso immagazzinate sotto forma di trigliceridi per l’utilizzo da parte delle cellule come fonte di nuova energia. Tuttavia, le cellule sono lente a reagire a fronte dell’utilizzo di una nuova fonte di combustibile, e l’individuo si sente debole o carente di energia. Citando Di Pasquale: “La dieta metabolica, sia che possa o non possa portare alla pericolosa chetoacidosi, non è uno stato in cui sia auspicabile rimanere per molto tempo: questo perché è una condizione di fame cronica, e se non avviene un’adeguata assunzione di proteine, e se viene seguita senza sosta per un certo periodo di tempo, porta ad un’eccessiva disgregazione muscolare (catabolismo). Come tale, almeno nel caso di chetosi continua, i risultati sulla massa muscolare e sull’energia possono essere controproducenti per chi esercita un’attività fisica: la chetosi cronica porta a perdite di massa muscolare, di forza e di performances.” La grande differenza che c’è tra la dieta metabolica e la dieta chetogenica è che nella prima esiste un programma di ricarica delle riserve di glicogeno del corpo, poiché nel fine settimana si assume un elevato apporto di carboidrati per 24-36 ore consecutive, in questo modo si evita la perdita di tessuto muscolare che potrebbe verificarsi se si dovesse rimanere su una dieta a basso o nullo contenuto di carboidrati per un periodo di tempo prolungato. I muscoli si accrescono con l’assunzione di glicogeno e il lunedì mattina, i vostri muscoli sono più grandi e più pieni che mai. Una somiglianza che la dieta metabolica ha con la dieta chetogenica è che c’è una fase di induzione, chiamata “Fase di valutazione”: questa fase di valutazione nella dieta metabolica può durare da due a sei settimane, tutto dipende dal fatto se vi sentite bene e in forma in questo regime alimentare. La dieta metabolica è progettata per essere un regime che causa un disequilibrio nel modo di alimentarsi, questo vuol dire che i giorni della settimana hanno un tenore più basso di carboidrati, mentre il fine settimana è ad alto contenuto di carboidrati. La fase di valutazione della Dieta Metabolica è abbastanza facile da seguire in quanto richiede un aumento di assunzione di grassi e proteine e una diminuzione della quantità di carboidrati da lunedì fino al seguente venerdì (per un totale di 12 giorni). La fase di valutazione è costituita fondamentalmente dal 50-60% grassi, dal 30-40% di proteine e da 30 grammi di carboidrati. Dal momento che alcune persone sono resistenti all’insulina più di altri e accumulano grasso più facilmente, c’è variabilità nell’intervallo di tempo di ricarica.

La dieta in breve

Vantaggi

Il medico che ha creato la dieta ha molti anni di esperienza nel campo dello sport e della nutrizione.
Il medico che ha creato la dieta ha un proprio sito web progettato per promuovere la dieta e per fornirvi gli strumenti e le informazioni di cui avete bisogno.

Svantaggi

Nonostante la mania di diete a basso contenuto di carboidrati fiorita negli ultimi anni, ora stiamo diventando sempre più consapevoli del fatto che una dieta che preveda il consumo di tutti i gruppi di alimenti sembra essere un approccio migliore di un’opzione low carb.
Dopo aver letto la alcune delle linee guida della dieta, sembra che ci sia una mancanza di preoccupazione per i grassi saturi, che sono una delle cause dello sviluppo delle malattie cardiache, e considerando che le malattie cardiache sono il killer numero uno di uomini e donne negli Stati Uniti, dovremmo essere rispettosi dei grassi saturi che consumiamo.

Conclusione

Mangiare in modo corretto, fare esercizio fisico e avere una corretta idratazione sono tutti elementi che fanno parte di una buona dieta. Abbiamo visto che le mode di diete a basso contenuto di carboidrati vanno e vengono, e che dobbiamo fare attenzione alla quantità di grassi saturi nella nostra dieta.

La dieta metabolica sembra incoraggiare il consumo di grassi provenienti dai prodotti caseari e non fa menzione della quantità di proteine magre presenti in qualsiasi proteina normale. C’è anche il fatto che sono previsti 2 giorni della settimana in cui si può mangiare qualsiasi cosa si desideri: mentre è possibile concedersi uno strappo alla regola, avere a disposizione due giorni interi ogni settimana per regalarsi ogni sorta di vizio non è esattamente un comportamento salutare.