Avvertenze (Parte diciottesima)

Quando un principiante osserva la dieta che abbiamo descritto nei precedenti articoli, accuserà diversi malesseri durante i primi giorni.

Non bisogna pensare che questi sintomi significhino debolezza, al contrario vuol dire che il corpo sfrutta una maggiore energia per eliminare i rifiuti interni, purificare il sangue e disintossicare i tessuti. Ecco alcuni sintomi che si possono accusare durante i primi giorni: debolezza, sensazione di vuoto allo stomaco, vertigine, mal di testa. Se uno persiste in questo regime detti sintomi spariscono dopo alcuni giorni. Allora si potrà constatare la maggiore forza fisica, una migliore concentrazione mentale, e l’ottima disposizione a svolgere ogni attivita`. La salute in generale ne trovera` giovamento.

Non vi dovete scoraggiare nei primi giorni se accusate dei sintomi eccessivamente forti, modificate lentamente il regime. In genere all’inizio l’individuo perde il peso ma in seguito riacquistera` il peso normale, se si rispettano come si deve le regole dell’igiene naturale. Coloro che erano abituati a consumare molta carne possono trovare sostegno nutrendosi di banane, legumi, formaggi, uova, ecc. Durante il periodo di transizione è meglio spendere poca energia, riposarsi il piu` possibile ed evitare di intraprendere un compito fisico o intellettuale molto impegnativo. Dopo la crisi di eliminazione colui che gia` gode di buona salute, rispettando questa dieta, avra` salute migliore ed i malati si avvieranno al pieno ristabilimento.

Coloro che non riescono a riacquistare forza e un peso normale, dopo alcuni mesi di dieta igienista, dovranno aumentare il consumo delle proteine dando la preferenza a quei protidi che l’organismo tollera meglio.

Per i pasti proteici, sara` anche meglio mangiare dopo la proteina un amido (patate, zucche, riso, pane, ecc), finchè il corpo riesca a digerire le proteine prese da sole. Non bisogna tentare di bruciare le tappe, andare per gradi usando piuttosto buona volonta` e perseveranza, e quando occorre usare una certa elasticita` nella rigidezza del regime. Evitare ad ogni costo il fanatismo alimentare, e una volta ogni tanto, e proprio lo si desidera si puo` fare uno strappo alla regola e farsi una ≪buona mangiata≫.

Questo per evitare seri conflitti psichici, che si possono facilmente manifestare nei neoigienisti che abbiano una cerchia di parenti ed amici contrari e non praticanti l’igienismo.